Bentrovati nel blog di Giovanni Villino, giornalista professionista Anna Oxa e gli alieni stanno a guardare | Giovanni Villino

Ieri sera, per necessità e non per virtù, mi sono ritrovato al concerto di Anna Oxa. Teatro Golden quasi pieno e scenografia minimalista. Inizio immediato. Si spengono di colpo le luci e parte una traccia dal sapore esoterico. Questo brano apre la oscura danza della Oxa. Indossa un groviglio di led luminosi che richiamano nell’immaginario collettivo una navicella aliena che avanza sul palco lentamente. Il rapimento del pubblico non lo si percepisce. Troppo buio in sala per scorgere i volti. Addosso ho invece avvertito il peso di un cammino intrapreso di forza, quasi imposto con prepotenza. Lo spettacolo prosegue con i brani eseguiti in modo “tradizionale” (la band si mostra al pubblico). Ottima l’ennesima creazione della mente lucida e geniale del bausteller [segue su MusicaMaEstro]